– 2 situazione viabilità

Ormai ci siamo; il meteo avverso pare ci abbia graziato e quindi ci attendono condizioni ottimali da tutti i punti di vista.

Abbiamo ricevuto richieste di info circa la viabilità stradale sino al Campei: la strada è perfettamente percorribile con gomme da neve e/o con 4×4 (anche se meglio avere con se le catene).

Inoltre domani ed anche domenica all’alba si provvederà a spargere sale e sabbia.

Nel dubbio ecco alcune foto di oggi che colgono alcuni dei tratti che solitamente sono critici.

-3 si inizia a tracciare

Siamo ormai prossimi alla partenza della 32^ Valtellina Orobie ed i nostri tecnici e volontari hanno iniziato a tracciare il percorso.

Dalle ultime indicazioni meteo, forse la neve prevista non sarà così tanta, e forse – forse – ci saranno variazioni al percorso previsto …

Rammentiamo che domani, venerdì alle 24 chiudono le iscrizioni e quindi affrettatevi, il Meriggio vi attende.

Intanto questa è la situazione ad oggi, giovedì 25 gennaio: foto by Max e Della.

-4 Percorsi ed altimetrie

Dal momento che le previsioni meteo danno per venerdì/sabato tantissima neve oltre i 2000 mt e 40 cm al Campei, il nostro staff tecnico guidato da Massimo Murada, ha dovuto apportare una serie di modifiche al percorso inizialmente ideato. Salvo piccoli ritocchi questo è il 32° Valtellina Orobie.

Altimetria

Sebbene non si toccherà il Pizzo Meriggio, si può ben evidenziare un percorso impegnativo che toccherà i luoghi più caratteristici delle nostre montagne.

La novità 2018 sono ben 3 differenti tracce al Campei, con una nuova discesa ed un nuovo persorso di 2^ salita per i maschi.

Questo permetterà al pubblico – sicuramente numeroso – di vedere una significativa parte della gara dal parterre e dintorni.

 

Percorso

Questa la mappa del percorso. Sviluppo importante e tracciato tecnico e spettacolare.

 

Aggiornamento del 24 gennaio 2018

VO Event 2018

Il Valtellina Orobie Event è l’insieme degli eventi collaterali che si svolgono intorno alla competizione sportiva, in cui la montagna ed i suoi uomini diventano protagonisti.

Eventi dedicati ai ragazzi delle scuole ed agli amanti della montagna, dove si possono ammirare ed ascoltare i protagonisti veri, personaggi che portano la loro esperienza di vita e di avventura.

Per l’edizione XXXII nostri ospiti saranno due famosi alpinisti che ci presenteranno “Avventure dalle Alpi all’Himalaya”.

Due generazioni di alpinisti molto diversi fra loro ma accomunati da un grande amore per le Alpi e per l’Himalaya, entrambi guide alpine, entrambi abilissimi scialpinisti, entrambi legati al ValtellinaOrobie.

François Cazzanelli

Valdostano, del 1990, cresciuto ai piedi di una delle montagne simbolo dell’Alpinismo mondiale: il Cervino!

L’amore per la montagna e di conseguenza per l’alpinismo è cresciuta in lui in maniera naturale e spontanea e il diventare Giuda Alpina è stato naturale in quanto sia il padre che la madre provengono da famiglie di storiche guide Valdostane.

A 14 anni si appassiona allo scialpinismo ed inizia le prime gare con ottimi risultati a livello giovanile. Dal 2009 al 2011 fa parte della Nazionale Italiana di sci alpinismo e attualmente continua a gareggiare nelle più importanti competizioni internazionale di lunga distanza. Ha partecipato a 5 edizioni del ValtellinaOrobie.

Dal 2012 membro della storica e rinomata Società Guide Del Cervino.

Dal 2011 al 2016 ha fatto parte della “Sezione Militare di Alta Montagna del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur”.

Ha effettuato molte spedizioni extraeuropee, diverse salite prestigiose ed aperto svariate vie nuove dalle alpi all’Himalaya.

Lavora come Guida Alpina che pratica tutto l’anno a trecentosessanta gradi.

Maurizio Folini

Pilota di elicottero – forse più famoso al mondo – esperto di elisoccorso in Svizzera e in Nepal e guida alpina.

Valtellinese oltre alla passione per il volo e per la montagna, si diletta nella coltivazione di un piccolo vigneto con relativa produzione di vino.

Il padre lo ha avviato alle nostre bellissime montagne e tale meravigliosa passione non lo ha più abbandonato. Anzi , terminati gli studi di agraria riesce a trasformare questa passione in professione. Dopo aver conseguito il brevetto di maestro di sci, diviene Guida Alpina UIAGM e ha quindi cominciato a vivere la montagna a 360 gradi. Inoltre, per ammirarla in una altra prospettiva, ottiene il brevetto di pilota di deltaplano e parapendio.

Si iscrive ad una scuola di volo di elicotteri in California conseguendo il brevetto di pilota commerciale.

La carriera di pilota è cominciata presso una ditta Svizzera; attualmente vola in tutta l`Europa ed anche in Nepal per condividere il “know how“ con i colleghi locali, insegnando loro la tecnica del trasporto materiali e persone con il gancio baricentrico dell’elicottero ed organizzando professionalmente il soccorso himalayano.

Appassionato sci alpinista, insieme ad Ivan Murada e Stefano Paganoni allenatore della squadra giovanile della famosa Polisportiva Albosaggia.

 

PALESTRA DI ALBOSAGGIA
VENERDI 26 GENNAIO ore 20.45
Ingresso libero

-6 alla gara

Una ulteriore ventina di cm di neve (quella bella polverosa che piace agli scialpinisti) è scesa al Campei; sopra anche qualcosina in più anche se poi il vento si è fatto sentire.

Questo il paesaggio al 22 gennaio.